Luigi Pasqualetti ricordato nell’80° anniversario della sua uccisione

Dettagli della notizia

La cerimonia è avvenuta all’Apparita, località vinciana dove viveva. Intervenuto anche il presidente del Consiglio regionale della Toscana.

Data:

14 Aprile 2024

Tempo di lettura:

Descrizione

Il Comune di Vinci ha commemorato Luigi Pasqualetti, martire antifascista, durante la cerimonia per ricordare l’80° anniversario della sua uccisione, la notte fra l’8 e il 9 aprile del 1944.

La cerimonia è cominciata alle 10.15 circa in Corte Brogi, località Apparita, laddove Pasqualetti abitava insieme alla famiglia. Ad aprire la mattinata di commemorazione l’assessora con deleghe ai progetti di valorizzazione della memoria storica e democratica del Comune di Vinci, che è stata seguita dalla benedizione del cippo in memoria di Pasqualetti da parte del parroco; quindi è stata posta una corona d’alloro ed è stato suonato il Silenzio, seguito dall’Inno nazionale.
Due giovani residenti dell’Apparita hanno poi letto “Partigia”, poesia di Primo Levi, e “Viva la libertà”, componimento di Gianni Rodari, seguiti dall’interpretazione dell’Inno alla gioia di Beethoven, interpretato dal maestro Sandro Tani e da alcuni allievi del Centro Attività Musicale di Empoli.

Quindi i saluti istituzionali: prima il sindaco del Comune di Vinci, gli esponenti di zona del Senato della Repubblica e del Consiglio regionale della Toscana, poi il presidente dell’Anpi Sezione di Vinci ‘Luigi Pasqualetti’ prima, e del presidente dello Spi-Cgil ‘Bruno Trentin’ di Vinci.
Il momento commemorativo è stato chiuso dal presidente del Consiglio regionale della Toscana, invitato per l’occasione, che ha ritenuto opportuno ricordare l’importanza di commemorazioni come questa per tenere viva la memoria dei fatti accaduti nel periodo della guerra civile che segnò la fine del fascismo.

Il corteo si è poi spostato alla vicina casa del popolo dell’Apparita, per una breve commemorazione davanti alla lapide in onore dei Caduti di Cefalonia, una nuova apposizione di una corona d’alloro, il suono del Silenzio e la lettura di una terza poesia (“Dov’è la pace”, del Mahatma Gandhi).
La cerimonia è stata chiusa con l’esibizione di “Bella ciao”.

Ultimo aggiornamento: 26/04/2024, 11:15

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Leggi di più sui cookie Informazioni sulla Privacy

Consenso fornito in data: id:

Informazioni sulla Privacy Leggi di più sui cookie
Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Dettagli cookie presenti su questo sito web

Al momento non utilizziamo cookie del tipo: Preferenze, Statistiche, Marketing, Altro